• Top A Home

Scegli un argomento

Nuove regole per l’attivazione dei Voucher

Il neonato Ispettorato Nazionale del Lavoro ha emanato la sua prima circolare avente ad oggetto “decreto correttivo Jobs Act – lavoro accessorio – indicazioni operative” (Circolare n. 1 del 17.10.16), in particolare per i Voucher. Vediamo quindi i punti salienti di questa circolare.
Comunicazioni preventive
L’Imprenditore (o non Imprenditore) deve inviare all’Inps la dichiarazione di inizio attività. Il committente deve, inoltre, inviare una e-mail alla competente Direzione del Lavoro (gli indirizzi sono in calce la circolare sopracitata). Le e-mail devono essere prive di qualsiasi allegato e riportare i dati del committente (almeno il codice fiscale e la ragione sociale da indicare anche nell’oggetto della e-mail) ed i dati relativi alla prestazione di lavoro accessorio. La comunicazione preventiva andrà quindi inviata:
  • dagli imprenditori non agricoli e dai professionisti almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione e dovrà riguardare ogni singolo lavoratore che sarà impegnato in prestazioni di lavoro accessorio; dovrà contenere i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo della prestazione;  il giorno di inizio della prestazione ed infine l’ora di inizio e di fine della prestazione.
  • dagli imprenditori agricoli entro lo stesso termine di 60 minuti prima della prestazione ma con contenuti parzialmente diversi. In questo caso infatti si prevede che la comunicazione indichi i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo della prestazione e la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a 3 giorni.
La mancata citazione dei non imprenditori nella circolare fa presumere che non siano tenuti ad effettuare la comunicazione preventiva all’Ispettorato Nazionale del Lavoro. La circolare quindi afferma testualmente quanto segue:
Con un apposito decreto il Ministero del lavoro potrà peraltro indicare “modalità applicative della disposizione (…) nonché ulteriori modalità di comunicazione in funzione dello sviluppo delle tecnologie”; nelle more della sua adozione si rappresentano di seguito le modalità, condivise con predetto il Ministero, per adempiere ai nuovi obblighi di legge.
Il termine dei 60 minuti antecedenti la prestazione vale anche per le comunicazioni inerenti a modifiche od integrazioni di comunicazioni già trasmesse.
SANZIONI
La violazione dell’obbligo di comunicazione in questione comporta l’applicazione della “sanzione amministrativa da euro 400 ad euro 2.400 in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata omessa la comunicazione” (art. 49, comma 3, D.Lgs. n. 81/2015), senza peraltro la possibilità di avvalersi della procedura di diffida di cui all’art. 13 del D.Lgs. n. 124/2004. Vale la pena inoltre ricordare che l’assenza, oltre che di tale comunicazione, anche della dichiarazione di inizio attività all’INPS, comporterà l’applicazione della maxisanzione per lavoro nero.
indirizzi e-mail
Gli indirizzi e-mail dove trasmettere la citata comunicazione sono in calce alla Circolare n. 1 del 17.10.16. Se hai bisogno di aiuto, Cooperativeonline.it è disponibile ad affiancarti in questa attività.
Come sempre siamo a tua disposizione per ulteriori chiarimenti e/o informazioni tramite la chat oppure il form di seguito. [contact-form-7 id=”2091″ title=”Modulo di contatto 1″]
Disclaimer di responsabilità. Il presente articolo è stato scritto in data 30 agosto 2016 e rappresenta una nostra personale interpretazione, è fornita a titolo gratuito e non si configura quale consulenza professionale, essendo il fine meramente informativo e divulgativo. Le informazioni contenute nel presente articolo, nonché quelle contenute nel sito cooperativeonline.it, devono essere verificate con il proprio professionista di fiducia; ne consegue che l’utilizzo delle informazioni qui contenute, o di quelle reperite sul sito cooperativeonline.it, è a vostro totale rischio e/o responsabilità. I testi dei provvedimenti reperibili sul sito cooperativeonline.it direttamente o mediante link, non sono ufficiali. In tal senso si declina ogni responsabilità per eventuali inesattezze, omissioni o difformità dal testo ufficiale.
 

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.